MES 2020 Round 3 – Cervesina

GPM e Bartolini si riconfermano campioni della “1000 Open”

Con il terzo posto in gara 1 l’imolese vince il titolo con una gara d’anticipo

CERVESINA (PV) 10-11 Ottobre – Sul Circuito “Tazio Nuvolari” si disputa il terzo ed ultimo Round del MES 2020 ed in quest’occasione per la classe “Open 1000” sono previste due gare. Il pilota dell’Associazione Moto Club GPM Racing, Valter Bartolini, si presenta all’appuntamento in vetta alla classifica grazie alle due belle vittorie colte nei precedenti appuntamenti di Varano de’Melegari, ma sia lui che la squadra sanno che su questo tracciato, molto più favorevole alle motorizzazioni degli avversari, non potranno permettersi errori se vorranno difendere il titolo conquistato nel 2019. I favori per la vittoria delle due gare sono tutti per il pilota di casa Maestri su Yamaha R1, mentre per Bartolini, in sella alla GPM 2 valvole, si prevede una dura lotta con Brugnone su Ducati Panigale V4 e con gli altri pretendenti al titolo, in primis Cristini su Yamaha R1 e Boccelli su Ducati Panigale V2.

Al Sabato mattina è la nebbia ad accogliere i partecipanti all’evento, ma per fortuna essa si dirada poco prima che i protagonisti scendano in pista. A causa delle precarie condizioni fisiche in cui negli anni precedenti Valter ha corso su questo tracciato alla squadra mancano adeguati riferimenti e le Prove Libere della mattina aiutano solo parzialmente il team nel settaggio della “GPM STW2”.

Nella prima e decisiva sessione di “Qualifica” Bartolini ottiene il quinto tempo mancando la prima fila di appena 56 millesimi di secondo. La sessione è comunque proficua nell’indirizzare verso il giusto settaggio la due valvole sossanese. A conferma di ciò arriva nel tardo pomeriggio la seconda “Qualifica” dove, con gomme usate, l’imolese è costantemente il secondo pilota più veloce in pista non migliorando per pochissimo la propria posizione in griglia. Utilizzando i tempi della sessione precedente la Pole va a Maestri che precede nell’ordine Brugnone, Boccelli, Malfatto (Yamaha R1) e Bartolini, solo nono è invece Cristini.

Domenica alle 11:30 si scende in pista per Gara 1. A causa di una violenta e prolungata perturbazione che nella nottata si è abbattutasi sulla zona l’asfalto non s’è ancora perfettamente asciugato e la gara viene dichiarata “bagnata; tutti i piloti optano comunque per le gomme slick. Alle 11:45 si spegne il semaforo ed inizia la gara, Bartolini scatta benissimo dalla propria casella ed alla prima curva è già in seconda posizione incalzato da Brugnone e preceduto solamente da Maestri che rapidamente allunga sui due inseguitori che a loro volta staccano gli altri concorrenti.  Nella terza tornata Brugnone sorpassa Valter e nel giro successivo il muretto box segnala all’imolese di mantenere la posizione. Con le prime tre posizioni saldamente consolidate Bartolini deve limitarsi a gestire il vantaggio accumulato ed una volta passato sotta la bandiera a scacchi si riconferma campione della “Open 1000” con una gara d’anticipo.

Dopo i festeggiamenti per il titolo conquistato per Valter, la squadra e tutti gli amici presenti è lunga l’attesa di Gara 2 programmata per le 17:10. Al via questa volta Valter non guadagna posizioni e nel tentativo di “tirare” la staccata all’ingresso della seconda curva va lungo perdendo molto terreno, decide comunque di onorare la manifestazione continuando la gara e giungendo sesto alle spalle di Malfatto. Sul podio salgono nell’ordine Maestri, Brugnone e Boccelli.

Un grazie con tutto il cuore va agli sponsor, a tutti i soci, agli amici ed ai sostenitori che anche in quest’anno complicato col loro aiuto e la loro vicinanza hanno reso possibile questo traguardo.

Pietro Gianesin

MES 2020 Round 2 – Varano

Seconda vittoria consecutiva per la GPM RACING

Nonostante la rovinosa caduta della mattina Bartolini vince in solitaria la gara

Varano de’Melegari (PR) 12-13 Settembre – In un weekend caratterizzato da problemi tecnici e cadute che hanno interessato tutti i favoriti, Bartolini riesce ad imporsi anche nel secondo Round del MES 2020 Classe 1000 Open.

Oltre ai favoriti, Bartolini su GPM STW2, Cristini su Yamaha R1, Brugnone su Ducati Panigale V4 e Boccelli su Panigale V2, questo appuntamento vede la partecipazione di altri due pretendenti alla vittoria nella gara di Domenica in Maestri su R1 ed Accornero su Panigale V4.

Con alcune piccole variazioni apportate alla moto rispetto la precedente gara, le “Libere” del Sabato mattina vedono scendere in pista un Bartolini rilassato e sicuro della propria competitività e che da l’approvazione finale alle modifiche testate. Terminate le sessioni di prove libere arrivano le prime sorprese, Maestri ed Accornero si ritirano a causa di problemi irrisolti legati alla gestione dell’elettronica.

Nella “Q1” del Sabato, causa un piccolo errore durante il giro che gli stava dando la Pole, Valter ottiene la seconda posizione in griglia in 1’08.084, ma il “passo” tenuto costantemente sull’8 basso durante tutta la sessione lascia la squadra molto fiduciosa in ottica gara. La Pole provvisoria va a Brugnone in 1’07.969.

Domenica alle 09:25 prende il via la “Q2” e visto l’orario ed il fatto che i piloti montano per regolamento le gomme della “Q1” tutti pensano che difficilmente i tempi delle prime posizioni possano essere migliorati. Di tutt’altro avviso è però Bartolini che una volta sceso in pista inizia, con una progressione costante, ad avvicinarsi sempre più ai tempi del Sabato, purtroppo per non perdere il ritmo alla staccata della “Parabolica” Valter supera all’interno Boccelli che non si avvede dell’Imolese ed i due vengono a contatto. Bartolini nella caduta picchia violentemente la schiena mentre la GPM vola letteralmente in aria e rimbalza più volte sull’asfalto. Boccelli è costretto ad un “dritto” ed una volta finito nella ghia cade anche lui rovinosamente, mentre pochi giri dopo è la volta di Cristini d’incorrere in una brutta caduta percorrendo l’ultima “variante” che immette sul traguardo.

La squadra riporta ai box una “GPM STW2” estremamente danneggiata, tanto che si valuta se sia il caso di ritirarsi o se ci sia tempo sufficiente per ripararla per la gara. Si chiede a Valter in che condizioni fisiche sia ed in risposta l’Imolese afferma che stringendo i denti può correre. Inizia così una corsa contro il tempo per riparare la moto anche grazie all’aiuto degli amici presenti. .

Alle 14:45 apre la “pit lane” ed i piloti scendono in pista per lo schieramento, dopo 15 minuti si spegne il semaforo rosso ed inizia il primo sei sedici giri della gara. In partenza Bartolini scatta bene, ma a causa della poca mobilità della schiena, fa impennare la moto perdendo così posizioni. Al termine del primo giro è quarto prededuto da Brugnone, Malfatto (Yamaha) e Perri (Kawasaki), mentre al termine del terzo giro è già in seconda posizione staccato di poco più di un secondo da Brugnone. L’Imolese in pochi giri colma il divario dall’avversario in fuga per poi superarlo durante il settimo giro ed allunga fino ad un secondo di vantaggio, per un paio di giri rallenta di poco per rilassare i muscoli della schiena ormai bloccata e Brugnone si riavvicina leggermente. Mentre tutti sono in attesa del combattuto rush finale la Panigale di Brugnone di ammutolisce durante l’undicesimo giro spianando la strada alla vittoria di Bartolini che, ricevuta la segnalazione dal muretto box, si limita a gestire fin sul traguardo il vantaggio di una decina di secondi sugli inseguitori. Salgono sul podio insieme a Valter Malfatto e Perri.

Sperando che Valter recuperi appieno dall’infortunio, nel bel tempo ed in un weekend più tranquillo rispetto alle ultime gare diamo appuntamento a tutti per il 10-11 Ottobre sul tracciato Tazio Nuvolari di Cervesina (PV) dove si terranno le ultime due gare decisive per l’assegnazione del titolo 2020.

MES 2020 Round 1 – Varano

Vittoria all’esordio per il binomio GPM/Bartolini

Dopo la brutta caduta del Sabato uno stoico Bartolini riesce comunque ad imporsi

Varano de’Melegari (PR) – Il tracciato parmense il 25-26 Luglio ha ospitato il primo round del MES 2020 campionato FMI di velocità. Nella classe Open 1000 Bartolini, l’alfiere dell’Associazione GPM, è sceso in pista per difendere il titolo conquistato l’anno precedente.

Dopo gli ottimi test sostenuti in preparazione del debutto stagionale, in cui ha fatto registrare tempi estremamente competitivi, Valter scende in pista per le prove libere del Sabato mattina. Complice l ’intenso traffico in pista ed il “setting” già ottimale l’imolese si limita a fare un paio di brevi sessioni per riprendere confidenza col tracciato.

Il Sabato pomeriggio entra in pista per il primo turno di qualifica un Bartolini estremamente motivato e desideroso di riassaporare le emozioni che solo i tempi cronometrati o le gare danno. Complice un po’ la foga o la disabitudine alle gomme nuove, al termine del primo giro cronometrato Valter affronta, come d’abitudine, in controsterzo la staccata in fondo al rettilineo, ma arriva un po’ lungo. Nel tentativo di inserire comunque la moto si inclina maggiormente, frena più forte bloccando così la ruota posteriore e portando lo sterzo in appoggio, la moto lo sbalza lateralmente facendolo picchiare violentemente a terra col casco a circa 140 kmh dall’analisi dell’acquisizione dati. La moto termina la scivolata lungo la via di fuga asfaltata mentre il pilota della GPM ha difficoltà a rialzarsi. Arrivano subito i commissari che spostano l’imolese in zona sicura ed i medici posizionati proprio nei pressi gli prestano i primi soccorsi. Dopo una ventina di minuti Valter viene trasportato prima nell’infermeria del circuito ed in seguito presso il pronto soccorso dell’ospedale di Parma.

In attesa di aggiornamenti sulle condizioni di Valter la squadra ripara la moto e la prepara per la Q2 di Domenica. Alla sera un provato Bartolini fa rientro in circuito desideroso di prendere comunque parte alle qualifiche della mattina successiva sia per valutare le proprie condizioni in vista della gara e sia per migliorare l’attuale quinta posizione in griglia.

Dopo una notte insonne ed in condizioni non perfette Valter scende comunque in pista per il secondo turno di qualifica. Come concordato con la squadra più che il tempo secco imposta la qualifica come una simulazione gara, ma riesce comunque ad ottenete la Pole in 1’08.537 precedendo Brugnone su Ducati Panigale V4 e Cristini in sella all’ultima versione della Yamaha R1.

Al pomeriggio, sotto un sole intenso, sulla distanza di 16 giri prende il via la gara della Open 1000. Bartolini scatta bene dalla Pole e sicuro del proprio passo gara affronta con cautela le prime curve non curandosi di venire superato nell’ordine da Cristini, Brugnone e Malfatto su Yamaha R1. Al termine del primo giro Valter è terzo sul traguardo avendo ripreso la posizione su Malfatto, il giro successivo l’imolese passa anche Brugnone e ricuce la distanza da Cristini che poi supera nella quarta tornata. Con la pista sgombra davanti a lui il pilota della GPM allunga su Cristini fino ad ottenere quasi due secondi di vantaggio a metà gara. La gara prosegue con i tentativi di Cristini di ricucire lo strappo da un Valter condizionato dal “botto” del giorno prima, l’imolese ha comunque la lucidità di amministrare il vantaggio e di riallungare sull’inseguitore quando questi dimezza il distacco. Uno stoico Bartolini coglie così una bellissima vittoria condita dalla Pole e dal giro veloce in gara, lo affiancano sul podio Cristini e Boccelli su Ducati Panigale.

21.02.2020

Cena inizio 2020

Grande partecipazione alla consueta cena di inizio stagione

VAL LIONA (VI) –  Presso la Locanda Trattoria Isetta si è tenuta la consueta cena di inizio stagione dell’Associazione MOTO CLUB GPM RACING a cui hanno partecipato un nutrito numero di soci, sponsor e simpatizzanti a cui tutti va il nostro più caloroso ringraziamento per la partecipazione.

MES 2019 Round 5 – Varano

Bartolini è campione della 1000 Open

L’imolese non corre rischi e con due secondi posti fa suo il campionato

Varano de’ Melegari (PR) –  Avvolto da un bel clima estivo il 14-15 Settembre sul circuito parmense è andato in scena l’ultimo e decisivo round del “FMI Trofeo Motoestate 2019” e per l’occasione la classe Open 1000 disputa gara doppia. Bartolini ed i membri dell’Associazione Moto Club GPM Racing si presentano in circuito determinati e fiduciosi di poter completare la rimonta in campionato; dopo i pochi punti raccolti nelle due gare iniziali della stagione ora Valter è staccato solamente di nove punti dal capoclassifica Cristini.

Per l’occasione sono da ringraziare i tantissimi soci ed amici dell’Associazione giunti ad assistere all’evento e che non hanno risparmiato il loro supporto ed aiuto durante questo weekend.

Grazie al buon Test svolto il 24 Agosto su questo tracciato, in cui sono state testati nuovi componenti ed assetti, le Prove Libere del Sabato mattina sono state caratterizzate solamente da piccoli lavori di affinamento e sono servite a Valter a riprendere confidenza con moto e tracciato.

Nel primo Turno di Prove Ufficiali Bartolini inizialmente trova un po’ di “traffico”, ma non appena ha pista libera piazza in rapida successione alcuni ottimi giri ed in 1’07.831 ottiene  la Pole provvisoria staccando nettamente gli avversari.

Con la moto ben settata ed un “tempo provvisorio” che presumibilmente garantirà la partenza in prima fila la squadra, di concerto con Valter, decide di rinunciare al secondo turno di Prove Ufficiali e di preparare la moto per la prima gara dell’indomani mattina. Al termine delle seconde Prove Ufficiali gli avversari accorciano il divario, ma la Pole resta a Bartolini.

Domenica alle ore 11:00 prende il via Gara 1. Il più lesto alla partenza è Fratus su BMW S1000RR che alla prima curva si trova al comando della corsa, il binomio Bartolini/GPM segue in seconda posizione, mentre terzo è il leader del campionato Cristini su Yamaha R1. Dopo poche curve Valter passa in testa e con un buon ritmo inizia ad allungare sugli avversari. Al quarto giro Fratus cade, la wild card Pini su Ducati Panigale V4 si porta in seconda posizione, mentre Cristini lotta per la terza posizione con Boccelli e Brugnone entrambi su Ducati Pangale.  Bartolini non “spinge” a tutta e Pini inizia una bella rimonta che lo porta a ricongiungersi a Valter. Il duo di testa fa il vuoto alle loro spalle ed al terzultimo giro Pini sorpassa Valter che in ottica campionato non risponde all’attacco e si accoda all’avversario accontentandosi della seconda piazza (essendo Pini una wild card Bartolini incamera comunque i  25 punti della vittoria), terzo giunge Cristini (20 punti) cosicché il campionato 2019 verrà deciso nell’ultima gara.

Le ore che precedono l’ultima gara sono caratterizzate da una tensione palpabile tra i membri della squadra, Valter compreso. Finalmente alle 15:30 prende il via Gara 2,  Bartolini parte bene e si porta al comando seguito da Pini, Cristini, Perri(BMW), Brugnone e Fratus. Al secondo giro Bartolini e Pini hanno già staccato gli inseguitori, Pini sorpassa Bartolini che decide di restagli in scia frenando i propri impulsi per non compromettere il campionato. La gara procede senza sussulti con il  duo di testa a fare gara a sé; negli ultimi giri Valter rallenta ed in sicurezza porta a casa altri 25 punti, la terza piazza del podio va a Cristini.

Al termine della gara, vissuta con grande tensione,  scatta l’esultanza di  tutti i membri della squadra, dei soci e degli amici presenti visto che con quest’ultimo risultato Bartolini è Campione della classe 1000 Open nel MES 2019.

MES 2019 Round 4 – Franciacorta

Bartolini ripaga i numerosi supporter presenti con una splendida vittoria

Il 4^ Round premia la GPM nella 1000 Open

CASTREZZATO (BS) –  l’Autodromo Daniel Bonara di Franciacorta il 20-21 Luglio ha ospitato, avvolto da una cornice di pubblico molto numerosa, il quarto round del MES 2019 campionato FMI di velocità e nella classe 1000 Open Bartolini, l’alfiere dell’Associazione Moto Club GPM Racing, è sceso in pista fiducioso di poter far bene dopo l’ultimo test effettuato.

Nonostante il buon Test svolto, le “Libere” del Sabato sono state caratterizzate da un intenso lavoro ai box che ha permesso di affinare ulteriormente il setup, già prestabilito in precedenza, via via che Valter migliorava ulteriormente il feeling con i nuovi pneumatici.

Nella” Qualifica” del Sabato, con gomme nuove, un Bartolini più a suo agio con la GPM STW2C dimostra di essere in ottima forma ed ottiene il terzo tempo con un ottimo 1’10.872

In ottica gara, nella “Qualifica” della Domenica la squadra e Valter decidono di scendere in pista con le gomme usate nel turno precedente, sia per ottimizzare il setup a gomme degradate e sia per preservare un “treno” di gomme nuovo; il regolamento concede infatti l’utilizzo di solamente quattro pneumatici tra qualifiche e gara. Pochi piloti riescono a migliorare i tempi del Sabato e l’Imolese mantiene la posizione in griglia. Benché alcuni avversari siano stati più veloci sul singolo giro il “passo” dimostrato dal binomio GPM/Bartolini lascia ben sperare per la gara.

Ad accogliere i piloti sulla linea di partenza dei 15 giri previsti è un sole intenso che porta la temperatura dell’asfalto a sfiorare i 55°. Al via Bartolini è il più rapido e si porta al comando, ma decide di non forzare nelle prime tornate per far stabilizzare la temperatura delle gomme, ne approfitta sul finire del primo giro Fratus, su BMW S1000RR, che passa al comando mentre Valter è seguito d’appresso da Perri, anche lui su BMW S1000RR. Fratus tenta di allungare, ma Valter mantiene il distacco sotto il secondo e nella parte centrale della gara ricuce la distanza dell’avversario che inizia a fare un po’ da “tappo” permettendo a Perri e Pedersoli, su Yamaha R1, di portarsi in scia dell’Imolese. Al decimo giro, incalzato da dietro, Bartolini restituisce il sorpasso a Fratus nel medesimo tratto e si porta al comando riuscendo fin da subito a guadagnare un piccolo margine di vantaggio che gestisce fin sotto la bandiera a scacchi. Fratus giunge secondo seguito da Perri mentre a causa di un errore Pedersoli chiude quarto.

Non poteva esserci risultato migliore per ripagare il gran numero di soci e supporter presenti all’evento che hanno colorato il box ed il paddock nel weekend. Con questa vittoria Valter si porta in seconda posizione, a pochi punti dal leader Cristini. L’appuntamento decisivo si terrà sul circuito di Varano de’ Melegari il 14-15 Settembre dove nella giornata domenicale si svolgeranno ben due gare.

Test Franciacorta

Nuovi test post Cervesina

Giornata proficua in vista della prossima gara

Castrezzato (BS) – In preparazione alla prossima gara di campionato il MOTO CLUB GPM RACING ha svolto una proficua giornata di test sul circuito bresciano .
Le prime tornate svolte hanno confermato che le ultime modifiche apportate hanno ridato a Bartolini il pieno controllo in frenata della moto.
La giornata ha permesso inoltre a Valter di approfondire la conoscenza con la nuova gomma anteriore, usata per la prima volta a Cervesina, che ancora non gli trasmette quella confidenza richiesta dalla sua guida.
La strada intrapresa sembra comunque quella giusta e si presume che le prossime modifiche in vista della gara del 20-21 Luglio possano ulteriormente migliorare questo feeling.

MES 2019 Round 3 – Cervesina

Ottimo terzo posto assoluto per Bartolini

Terzo posto, ma con punteggio pieno che rilancia l’Imolese in ottica campionato

Cervesina (PV) –  Il 22-23 Giugno sul circuito “Tazio Nuvolari” è andato in scena il terzo round del “FMI Trofeo Motoestate 2019” e per la prima volta dai test di Marzo il binomio GPM/Bartolini tornava a girare su pista asciutta. La squadra infatti a causa di un incidente stradale non aveva potuto svolgere i test collettivi della settimana precedente.

Non avendo potuto effettuare i Test, per il Team il sabato è stata una giornata intensa nella ricerca del setup ottimale e per far ritrovare il giusto feeling con la moto a Valter. Con ancora alcuni problemi in frenata, l’imolese al termine della prima e decisiva qualifica otteneva il sesto tempo in 1’21.347 staccato di appena 7 centesimi dalla terza posizione.

Nel secondo turno di qualifiche della Domenica mattina le posizioni in griglia rimanevano invariate, mentre le ultime modifiche apportate alla moto miglioravano il comportamento della moto in frenata e rendevano Bartolini e la squadra fiduciosi per la gara.

La gara si svolgeva sotto un cielo terso e con la temperatura dell’asfalto superiore ai 55°. Valter scattava molto bene, all’ingresso della prima curva era quarto e superava all’esterno Boccelli su Ducati Panigale 1299 portandosi in terza posizione dietro alle nette favorite “wild card” Maestri e Galante entrambe su Yamaha R1. Durante il primo giro a causa di un “dritto in staccata” Bartolini retrocedeva in ottava posizione, iniziava così una bella rimonta che lo portava fino in quinta posizione. Nel finale l’Imolese approfittava di un contatto tra i piloti che lo precedevano per chiudere  la gara in terza posizione preceduto nell’ordine solamente da Maestri e Galante.

Con questo risultato, e non prendendo punti le “wild card”, Valter ottiene 25 punti che gli permettono di rientrare nella lotta per la conquista finale del campionato.

Sperando nel bel tempo per le prossime gare diamo appuntamento a tutti il 20-21 Luglio per il quarto round che si terrà sul circuito di Franciacorta (BS).

MES 2019 Round 2 – Varano

Bartolini coglie un buon quinto posto

Weekend in chiaroscuro per la GPM caratterizzato da freddo e pioggia

VARANO DE MELEGARI –  Il tracciato emiliano il 18-19 Maggio ha ospitato il secondo round del MES 2019 campionato FMI di velocità. Nella classe 1000 Open Bartolini, l’alfiere dell’Associazione GPM, ritornava in sella dopo la rovinosa caduta avvenuta nelle prove libere della gara precedente.

L’intera giornata del Sabato è stata caratterizzata da una temperatura invernale con pioggia costante ed intensa per tutto l’arco della giornata. Le condizioni al limite della pista abbinate al fatto che Bartolini non guidava sul bagnato dal 2016 hanno reso problematico il rientro di Valter dopo il brutto High Side di Franciacorta. Sia nelle libere che nella prima sessione di qualifica ai box si è lavorato per far trovare il giusto feeling al pilota tenendo conto che in questi tre anni la moto ha subito significative evoluzioni che hanno reso obsolete le vecchie tarature per il bagnato. Tutto questo non permetteva ad un contratto Bartolini di andare oltre la provvisoria quindicesima posizione in qualifica.

La Domenica mattina la pioggia concedeva una breve tregua e permetteva che il secondo e decisivo turno di qualifica si svolgesse su di un tracciato poco bagnato che via via tendeva ad asciugare lungo le traiettorie. Un Valter rinfrancato e piu a suo agio con la moto già al primo passaggio era il più veloce, da qui cominciava un continuo susseguirsi di piloti al vertice della sessione in cui Bartolini non scendeva mai al di sotto della quinta posizione. Sul finale, dopo una breve sosta Valter rientrava in pista ed otteneva la Pole in 1’16.206 precedendo Malfatto su Yamaha R1 di appena 28 millesimi, chiudeva la prima fila Fratus su BMW S1000RR in 1’16.534.

Dalla tarda mattinata tornava la pioggia e la gara programmata al pomeriggio si svolgeva su pista bagnata. Valter partiva molto bene, preceduto solo da Fratus (partito in anticipo e penalizzato di 20 secondi), ma impiegava alcuni giri a trovare il passo dei migliori e così retrocedeva in quinta posizione. Trovato un buon ritmo decideva di non rischiare e si accontentava della quinta posizione che manteneva in assoluta tranquillità fino al traguardo dove terminava a soli otto secondi dal vincitore Accornero su Suzuki GSX100RR. Completavano il podio Cristini e Malfatto entrambi su Yamaha R1.

Sperando nel bel tempo per le prossime gare diamo appuntamento a tutti il 22-23 Giugno per il terzo round che si terrà sul circuito “Tazio Nuvolari” di Cervesina (PV).

Test Franciacorta

Ottimi Test Precampionato per la GPM e Bartolini

I nuovi aggiornamenti sembrano aver portato un netto miglioramento

CASTREZZATO (BS) –  In vista dell’imminente inizio del campionato 2019 nelle  giornate del  25 e del 31 Marzo l’alfiere del MOTO CLUB GPM RACING, Valter Bartolini, è sceso in pista sul tracciato di Franciacorta in sella alla GPM STW2C per prepararsi al meglio alla prima gara stagionale.

Il 25 Marzo Bartolini scende in pista dopo molti mesi di inattività con le moto da velocità, ma sin dalla prima uscita si è trovato a suo agio con la nuova configurazione 2019 della moto e coadiuvato dalla squadra che ha intrapreso i giusti passi nella messa a punto del mezzo ha ottenuto con facilità dei confortanti tempi sul giro.

Il 31 Marzo con già ben chiara la strada da seguire nella messa a punto della moto gli ulteriori miglioramenti apportati al settaggio hanno permesso al pilota Imolese di migliorare ulteriormente i già buoni tempi ottenuti nel precedente Test.

Ora non resta che ultimare gli ultimi preparativi e dare appuntamento a tutti voi per il debutto stagionale nella gara del 13-14 Aprile sul tracciato di Franciacorta.

Valter Bartolini

Valter Bartolini è un veterano delle corse, di estrazione off road, è un grande specialista delle “Supertwins” ed uno dei piloti più poliedrici attualmente in attività oltre ad essere un fine collaudatore.

Inizia a gareggiare nel motocross nei primi anni ottanta. Su TM 125 vince nel 1982 il “Campionato Regionale Junior” e nel 1984 il “Campionato Italiano Motocross”.
Negli anni 1985 e 1986 gareggia con Gilera nel “Mondiale Motocross” classe 250.

Nel 1989, insieme al fratello Andrea, partecipa, inserito nella struttura del “Team Italia”, a diversi “Campionati del Mondo Motocross” classe 125.

Nel 1990 a Valter viene affidato il compito di portare al debutto, dopo un’inattività di 25 anni, la Husaberg 500 cc 4 Tempi nel “Mondiale Motocross”. Nello stesso anno, sempre con la Husaberg 500, termina al secondo posto in classifica generale nel “Campionato Italiano Motocross”.

Nel 1991 è al via del “Mondiale Motocross” classe 125 con la Kawasaki del “Team KL”, purtroppo in questa stagione, mentre in campionato si trova in quarta posizione, subisce un grave infortunio.Negli anni ’90 Valter alimenta la sua poliedrica esperienza iniziando a correre in varie categorie legate al settore della velocità.

Nel 1996 è secondo nel “Campionato Italiano Velocità” classe 125 preceduto solamente da Marco Melandri.
Dal 2001 al 2003 corre su Honda per il neonato “Team Gresini” vincendo sia nel 2002 che nel 2003 il “Campionato Italiano MotoGP” classe 250.

Al termine della stagione 2003 passa al mondo delle “Motard”.
Nel 2004 giunge 6° nel “Mondiale Supermoto” classe S1 su VOR, mentre l’anno successivo guadagna il 7° posto finale nel medesimo campionato, ma questa volta su TM.

Nel 2006 torna a gareggiare prevalentemente nella velocità:

Nel 2006 corre con la Millona del “Team NCR Poggi Pollini” nel “Campionato Italiano Supertwins” e nel “Ducati Desmo Challenge” classe Protwins. In entrambi i campionati, complice la sfortuna, il titolo sfugge per pochissimo.

Nel 2007 Valter partecipa al “Campionato Italiano Velocità” classe Superbike con il “Team Factory Superbike” su MV Agusta F4 1000R. Lo stesso anno gareggia anche nel “Campionato Europeo Supertwins” sempre con la Millona del “Team NCR” vincendo, inoltre, la “Sounds od Thunder” di Daytona.
Nel 2008 vince, in sella alla Ducati 848 del “Team NCR-Ducati”il “Campionato Canadese” classe Thunder.

Nel 2009 in attesa di debuttare in sella alla “GPM Supertwins” vince la gara del DDC Protwins a cui partecipa da wild card con la Millona del “Team NCR”

Nel 2010 Valter partecipa con la debuttante GPM creata da Gianesin Pietro al “Ducati Desmo Challenge” classe Protwins ottenendo in crescendo un ottimo secondo posto finale in campionato. Domina inoltre la gara del “Trofeo FMI Supertwins” a cui partecipa come wild card.

Nel 2011, ancora in sella alla GPM, in campo nazionale Bartolini domina il “Trofeo FMI Supertwins” ed in ambito internazionale coglie prestigiose vittorie ad Assen, Pannonia e Zeltweg.

Squadra che vince non si cambia. Il 2012 l’accoppiata Bartolini GPM conquista ancora il titolo di campione nel “Trofeo FMI Supertwins”. Il pilota emiliano, complice un infortunio, è purtroppo costretto a rinunciare alle altre gare internazionali.

Nel 2013 per difendere il titolo della classe Supertwins Pietro affida alle mani di Valter Bartolini la nuova GPM “STW2” il cui fiore all’occhiello sono le nuove teste motore GPM bialbero a cammes desmodromiche con raffreddamento a liquido. La difesa del titolo ha successo e Valter è il primo pilota a conquistare tre titoli nella Supertwins; coglie inoltre una prestigiosa affermazione internazionale presso Zeltweg correndo contro le più potenti Superbike.

II 2014 vede ancora una volta Bartolini ripartire in sella a GPM e dominare il trofeo Supertwins, che si aggiudica per il quarto anno consecutivo e addirittura con un turno di anticipo. Nelle cinque gare disputate il dominio Bartolini-GPM è stato assoluto: in tutte le occasioni il pilota imolese ha ottenuto pole position, vittoria e giro veloce, chiudendo la stagione con l’en plein di 135 punti in classifica.

Nel 2015, sempre in sella alla GPM, Valter si aggiudica per la quinta volta consecutiva il “Trofeo FMI Supertwins”. Con la medesima moto si cimenta da wild card contro le potenti “1000 Open” sui tracciati di Varano e Vallelunga cogliendo un terzo e secondo posto.

Nel 2016 con la GPM 2 Valvole Bartolini partecipa alla “RR Cup 1000 Open” cogliendo dei buoni piazzamenti e partecipa al Round finale del “Trofeo Motoestate” sempre nella classe “1000 Open” ottenendo un buon podio.

Vista la competitività della GPM 2 Valvole sui tracciati “corti” anche contro le potenti 1000 4 cilindri o Panigale 1300 Bartolini e la GPM nel 2017 partecipano al “Trofeo Motoestate”. Con due vittorie, due secondi posti e un terzo posto Valter riesce ad aggiudicarsi il campionato.

Nel 2018 il binomio Bartolini/GPM 2 valvole si ripresenta al via del “Trofeo Motoestate”, ma un brutto infortunio patito da Valter nel mezzo della stagione con la moto da cross condiziona la seconda parte del campionato. Con tre podi, tra cui una vittoria, Bartolini chiude comunque al secondo posto la classifica finale.

Anche nel 2019 Bartolini partecipa con la GPM 2 valvole al “Trofeo Motoestate” nella classe Open 1000. Per la nuova stagione vengono apportati diversi aggiornamenti alla ciclistica che fin dai test mostrano un netto incremento competitivo della moto. Purtroppo al debutto stagionale una brutta caduta condiziona la prima parte del campionato ed attarda in classifica l’Imolese. Una seconda parte di stagione in continuo crescendo porta comunque Bartolini a vincere all’ultima gara il titolo.

© GPM RACING
Sossano | Vicenza | Italy
C.F. / P. Iva 00608110243
Tel. +39 0444 885001
info@gpm-racing.it

Officina specializzata nella preparazione, elaborazione e manutenzione moto Ducati.

Privacy – Cookie Policy
Credits